Belgio

Nazione

da non perdere

Scopri cosa offre questa nazione

da sapere

Brugges / ©Corbis Images
Brugges / ©Corbis Images

Il paese

Geografia

Confini. Nord: Olanda, Est: Germania e Lussemburgo, Sud/Ovest: Francia, Nord/Ovest: Mare del Nord.

Coordinate. Latitudine 51°-50° Nord; Longitudine 3°-6° Est

Da Sud/Est, dove si alza il massiccio delle Ardenne, coperto di pascoli e foreste, il territorio digrada dolcemente in una vasta pianura fino al mare, attraversata dalla Mosa che, nata in Francia, va a sfociare nel Mare del Nord in territorio olandese.

Popolazione, economia e politica

Dopo la crisi del settore carbonifero degli ultimi anni '70, in Belgio mantengono una certa importanza alcune produzioni di base (metallurgia, chimica), ma la crescita più rilevante ha riguardato settori a medio-alta tecnologia, come quello dell'elettronica. Nel settore agricolo spiccano in particolare le colture cerealicole e foraggere, della barbabietola da zucchero e del lino. Notevole è anche lo sviluppo del settore terziario.

Clima

Clima continentale con piovosità frequente e diffusa, in gran parte temperato oceanico, con inverni non molto freddi ed estati calde e ventilate. All'interno del Paese il clima si fa più continentale, soprattutto sull'altopiano delle Ardenne, dove gli inverni sono piuttosto rigidi, umidi e spesso molto nevosi.

Epoca della visita: Da aprile a ottobre.

Abbigliamento consigliato: Abiti di peso medio per tutto l'anno, più pesanti in inverno. Si consiglia qualche capo impermeabile per la pioggia.

Prima di partire

Documenti personali

Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. Il Paese fa parte dell’UE. In base agli accordi di Schengen, alle frontiere non è più effettuato il controllo del documento d'identità valido per l'espatrio, che è comunque necessario avere con sé per dimostrare di appartenere a uno dei Paesi aderenti all'accordo.

Valuta

Importazione/esportazione valuta. Libera
Bisogna dichiarare la valuta equivalente a 10,000 o più euro per persona, agli uffici doganali di ingresso o d'uscita dal territorio.

Carte di credito. Tutte le principali carte di credito sono accettate nei negozi, hotel, ristoranti e stazioni di servizio. È possibile ottenere denaro contante tramite la propria carta di credito presso i distributori automatici.

Dogana

Per i cittadini italiani (come per tutti i cittadini UE) esistono uscite separate che non prevedono dichiarazioni doganali. È però possibile che vengano effettuati controlli casuali.
Si rimanda alle Disposizioni doganali relative alla circolazione di merci nei Paesi dell'UE all’interno della sezione Informazioni Generali.

Importazione cani e gatti
Grazie alla recente introduzione del sistema dei Passaporti per Animali Domestici (modello unico in tutta la UE) è possibile portare al seguito cani, gatti e furetti nei Paesi dell’UE purché muniti di microchip o di tatuaggio di riconoscimento, di passaporto rilasciato dall'autorità competente e di certificato di vaccinazione antirabbica.

Salute

Nessuna vaccinazione è richiesta o consigliata.

Il Belgio riconosce la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM), distribuita a tutti i cittadini italiani a partire dal 2004, che consente di ottenere le prestazioni sanitarie urgenti presso gli enti mutualistici convenzionati alle stesse condizioni riservate agli assicurati locali, ma che in nessun caso prevede il rimpatrio del malato (per avere questo tipo di garanzia è necessario stipulare un'assicurazione privata).

Sicurezza

Per consigli e informazioni circa la situazione di sicurezza nei vari Paesi si rimanda al servizio Viaggiare Sicuri curato dall’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri in collaborazione con l’ACI.

Come arrivare e come muoversi

Aereo

Collegamenti aerei. La compagnia nazionale Brussels Airlines collega con voli plurigiornalieri la capitale belga a Bologna, Firenze, Genova, Milano, Roma, Torino, Venezia.
Alitalia collega con voli giornalieri Roma e Milano con Bruxelles.

Voli low cost.
Ryan Air dagli aeroporti di Pisa, Orio al Serio, Roma, Treviso a Bruxelles/Charleroi;
On Air da Pescara a Bruxelles/Charleroi;
Virgin Express da Bari, Catania, Orio al Serio, Palermo, Napoli, Roma a Bruxelles National.

Durata del volo. Milano-Bruxelles: 1 ora 35'; Roma-Bruxelles: 2 ore 10'.

Aeroporti principali:
Bruxelles National BRU (Brussels International Airport Company - BIAC), dista 13 km a nord- est dal centro-città. Ogni 15' un treno collega l'aeroporto alle stazioni Centrale e Nord; ma ci sono collegamenti anche via bus, tram e metro;
Brussels South Charleroi CRL, dista 48 km a sud di Bruxelles. Una navetta collega l’aeroporto con la stazione Midi della capitale in coincidenza con i voli in partenza e in arrivo.

Treno

Accessi ferroviari. Non esistono collegamenti diretti. È necessario passare per Francia o Germania: linee ad alta velocità collegano Parigi e Colonia con Bruxelles.

Facilitazioni ferroviarie. La Compagnia dei treni belgi, SNCB-Societé Nationale des Chemins de Fer Belges possiede una delle reti più fitte ed estese d'Europa. Le più importanti agevolazioni ferroviarie, che si possono richiedere presso le principali stazioni del Paese, comprendono:
Go Pass, carnet di 10 viaggi per giovani sotto i 26 anni in 2ª classe, valido un anno (43 euro).
Key Card , carnet di 8 viaggi (10 euro in 2ª classe e 15 euro in 1ª) valido un anno per brevi viaggi in una specifica area.
Rail Pass, consente di effettuare entro un anno 10 viaggi tra due città belghe a scelta (65 euro in 2ª classe e 100 in 1ª).
Viaggi in gruppo, gruppi di viaggiatori (minimo 15) ottengono sconti del 50/70% con posti riservati vicini.
Week end Ticket, biglietto di andata e ritorno da utilizzare nel week end con sconti fino al 50% sia che si viaggi da soli o in gruppo.

Le principali facilitazioni ferroviarie, in vendita in Italia presso le FS e le agenzie abilitate all'emissione, sono:


- Inter Rail, nelle tre versioni: InterRail -12 (ragazzi 4-12 anni non compiuti), Inter Rail -26 (giovani 12-26 anni non compiuti) e Inter Rail +26 (oltre i 26 anni), è un biglietto di libera circolazione di 2ª classe, valido 12, 22 o 30 giorni, che permette di viaggiare sulle reti ferroviarie della "zona" o delle "zone" scelte tra le seguenti:
Zona A: Gran Bretagna, Irlanda, Irlanda del Nord
Zona B: Svezia, Norvegia, Finlandia
Zona C: Danimarca, Germania, Svizzera, Austria
Zona D: Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Bosnia-Erzegovina
Zona E: Francia, Belgio, Lussemburgo, Olanda
Zona F: Spagna, Portogallo, Marocco
Zona G: Italia, Slovenia, Grecia, Turchia e con le compagnie marittime di navigazione (EA e HLM) per la tratta Ancona-Bari-Brindisi-Corfù-Igoumenitsa-Patrasso e ritorno
Zona H: Bulgaria, Romania, Macedonia, Serbia, Montenegro.
L'Inter Rail dà titolo, inoltre, alla riduzione del 50% sui biglietti acquistati per raggiungere la zona o le zone prescelte.

Notizie automobilista

Sigla automobilistica: B
Limiti di velocità

50 km/h in città, 90 km/h in aperta campagna e 120 km/h in autostrada. Con i pneumatici chiodati i limiti sono di 80 km/h sulle strade normali e 90 km/h sulle autostrade.
Norme di circolazione. L'uso delle cinture di sicurezza è obbligatorio sia per i sedili anteriori che per quelli posteriori, nelle auto che ne siano provviste. Tutti i veicoli (salvo un ciclomotore, una motocicletta e un rimorchio) devono avere a bordo un triangolo da utilizzare in caso di incidente o panne. I bambini inferiori ai 12 anni non possono sedere sul sedile anteriore, a meno che non si disponga degli appositi seggiolini omologati. Con nebbia, forte pioggia, neve, o quando la visibilità è inferiore a 100 metri, i fari antinebbia devono essere accesi. Il tasso di alcool ammesso nel sangue è lo 0,5 per mille. Per conducenti e passeggeri di moto e ciclomotori il casco è obbligatorio.
Pneumatici chiodati. La circolazione con gomme chiodate è ammessa dal 1° novembre al 31 marzo.
Autostop. Autorizzato, escluse autostrade e superstrade, ma consentito nelle aree di servizio. L'assicurazione RC del proprietario del veicolo copre anche i rischi dell'autostoppista. La Taxi-stop a Bruxelles mette in contatto autostoppisti e automobilisti.
Autonoleggio. Sono presenti le maggiori compagnie di autonoleggio. Per noleggiare un'auto è richiesta un'età minima tra i 20 e i 25 anni ed essere in possesso della patente di guida da almeno 1 anno. I pagamenti devono avvenire con carta di credito. Si consiglia di verificare le condizioni delle varie compagnie.

Documenti automobilista

Documenti per l'automobilista. Patente e carta di circolazione italiane. All'interno della UE la polizza assicurativa italiana copre automaticamente tutti i rischi relativi alla RCA, senza bisogno di ulteriori documenti.
La Carta Verde non è obbligatoria ma è comunque consigliata.

Trasporti pubblici urbani

A Bruxelles presso gli sportelli della STIB - Société des Transports Intercommunaux Bruxellois sono in vendita biglietti di libera circolazione su tram, autobus e metropolitana (biglietto singolo 1,60 euro):
- Carte 24 heures, a 4,20/4,50 euro
- Carte de 5 Voyages, a 7,30 euro
- Carte de 10 Voyages, a 11,20/12,30 euro
Sono disponibili inoltre biglietti di gruppo e la Brussels Card, tessera che consente 1/2/3 giorni di libera circolazione sui mezzi pubblici e il libero accesso a 30 musei oltre a sconti e riduzioni in negozi, locali e attrazioni. Prezzo: 24/34/40 euro secondo la durata; in vendita presso l'Ufficio Informazioni e Turismo di Bruxelles.

Dormire

Alberghi

Lo standard alberghiero è buono, specie nelle categorie medie e superiori; le strutture alberghiere sono suddivise secondo una classificazione ufficiale (da 1 a 5 stelle). Nelle campagne sono abbastanza diffusi gli esercizi della rete Logis de Belgique classificati da 1 a 3 caminetti, che offrono un’ospitalità di tipo francese.

Fasce di prezzo
Albergo economico: fino a 50 euro
Albergo medio: fino a 75 euro
Albergo costoso: fino a 100 euro
Albergo molto costoso più di 150 euro.

Altra ospitalità

Ostelli
Gli ostelli belgi fanno parte di due associazioni: quella dell’area francofona (Centrale Wallone des Auberges de Jeunesse) e quella fiamminga (VJH - Vlaamse Jeugdherbergen), con strutture meglio organizzate; per questo motivo gli ostelli in Belgio sono spesso frequentati anche da famiglie e da anziani. Per accedere agli ostelli occorre munirsi della tessera internazionale presso una delle numerose sedi dell’AIG - Associazione Italiana alberghi per la Gioventù (vedi sezione: indirizzi - altro).
La tessera costa 9 euro per ragazzi fino ai 18 anni non compiuti, 13 euro fino ai 26 anni non compiuti, 17 euro oltre i 26 anni e ha la durata di un anno solare (più il mese di dicembre precedente e il mese di gennaio successivo).

Campeggi
I campeggi sono perlopiù presenti nella zona montuosa delle Ardenne, lungo le rive della Sûre e della Mosella, nel Kempen e sulla costa. In totale sono circa 900 i campi attrezzati, classificati in 4 categorie secondo la posizione e le dotazioni. L'associazione a cui aderiscono numerosi campeggi belgi è la Campingfederatie-CKVB. Il campeggio libero è permesso solo con l'autorizzazione del proprietario del terreno. Possono esistere disposizioni regionali piuttosto restrittive, per le quali occorre rivolgersi alle autorità locali.

Bed & Breakfast
Molte piccole pensioni a conduzione familiare offrono pernottamento e prima colazione.

Castelli e Monasteri
Un tipo di vacanza inconsueto ma molto suggestivo: presso l’Ufficio del turismo si possono trovare gli elenchi di castelli, monasteri e abbazie che offrono ospitalità ai turisti.

Mangiare

Mangiare

In Belgio tavola e cucina richiamano solo in parte quelle francesi. A Bruxelles e a Liegi si fa gran consumo di pesce e di specialità di mare, fra cui le ostriche (belons, huîtres), le cozze (moules) e una varietà di chiocciole marine (caricolles); fra i pesci: le aringhe, le anguille, le sardine e certi pesci disseccati chiamati scholles.
I brussellesi vengono chiamati kiekefretter (mangiapolli) per il gran consumo di polli allo spiedo che si fa in città. Ma la cosa che colpisce di più lo straniero in tutto il Belgio è l'enorme consumo di patate fritte (chiamate frites). Innumerevoli le fritures ambulanti ove si friggono le patate vendute a cartocci con un po’ di maionese (l’odore dell’olio fritto ristagna spesso nei quartieri popolari). Con le patate, bottegucce e caffè offrono per gli spuntini una grande varietà di tartine a base di aringhe, di prosciutto e di formaggio, queste ultime con contorno di radici e cipolline agre. Il pasto vero e proprio si compone di una soupe di verdura o un brodo; di una entrée a base di pesce, molluschi, pomodori farciti con gamberi sgusciati e maionese, o di carni bianche (o semplicemente di ottimo Jambon d’Ardennes); di un piatto forte o plat de résistance, a base di carne con contorno di patate e di almeno un’altra qualità di verdure: facoltativo il dessert, per lo più sostituito da un caffè piuttosto lungo con un po’ di panna.
Fra le minestre tipiche sono da ricordare la marmite ménagère, brodo di manzo con verdura, carne e fette di pane; il potage brabançon a base di cipolle e cavolini passati e legati con latte e rosso d’uovo: la soupe malinoise a base di lattuga, patate e cavolfiore.
Fra le entrées, la fricassée liègeoise, uova al prosciutto o al lardo passate al forno, il fondu bruxellois, crocchette di formaggio, o le croquette aux crevettes, crocchette con gamberi servite nella zona di Ostenda, le moules complet bruxellois, cozze in varie salse, la tarte au fromage e la tarte à l'djote, di purea di patate e cavoli.
Fra i piatti forti tipici, i più comuni sono le anguilles au vert, anguille cotte in salsa verde con vino bianco, e la carbonade flamande, misto di carni stufate con verdura e birra; il waterzoi è un piatto tipico fiammingo e olandese a base di pollo bollito servito con un denso passato di patate e verdura, mentre tipicamente brussellesi sono i choesels, frattaglie di bue cotte con birra, cipolle e vino. I boudins blancs et noirs sono insaccati di maiale con ingredienti vari, tipici di Bruxelles e Liegi. Piatti prelibati sono il civet aux pruneaux, salmì di coniglio (in neerlandese konijn met preimen) o di lepre alla cipolla con aggiunta di more o di acini d’uva, la lièvre à la bruxelloise, un salmì al cioccolato, e il cinghiale tipico delle Ardenne, paradiso della selvaggina.
Fra i contorni di verdure il cavolo rosso, i noti cavolini al burro, la cicoria di Bruxelles, a grosse punte carnose, gratinata al forno. La salade-liègeoise è a base di fagioli e patate con uova sode e lardo.
Nei ristoranti, in genere non viene servita la frutta. I dolci più popolari sono il cramique, pane dolce al latte con uova, le gaufres, caratteristiche schiacciate di pasta dolce fatte al momento, coperte di panna montata e di zucchero vanigliato; ottime anche le praline al cioccolato. Le frittelle di vario genere (crêpes in francese, pannekoeken in neerlandese) sono il dolce tipico del Benelux. A Liegi si fanno dolci di riso, mentre una grande varietà di dolci secchi, marzapani e biscotti si trova sotto forma di specialità locali. La gosette è una specie di strudel di mele mentre le prugne allo sciroppo sono una specialità del Limburgo.
Il Belgio produce pochissimo vino (coltivazioni di uva in serra si trovano nei dintorni di Bruxelles) ma dispone di grandi vini d'importazione, per lo più francesi. Ottima è la birra in numerose qualità, chiare e scure, talvolta molto dense e a forte gradazione (lambiek, gueuze). La trappiste è una birra molto densa e scura; la kriek è birra con infusione di ciliege, mentre la aerts è tipica di Bruxelles. La birra comune al bar si chiama export o demi.

Ristoranti

In Belgio i ristoranti sono in genere di buon livello, assai bene arredati e dal servizio accurato. La cucina più diffusa è quella internazionale, con numerose specialità locali; nelle città sono anche numerosi gli snack bar o tavole calde. Il turista troverà nei centri principali molti ristoranti di cucina italiana, provenzale, spagnola, portoghese e greca. Tipiche in Belgio sono le birrerie, talune assai grandi e arredate in stile antico, in cui anche al di fuori della sala ristorante è possibile consumare spuntini di vario genere innaffiati da birra, tè o caffè.
La capitale, Bruxelles, lo è anche dal punto di vista gastronomico, e fa risalire la sua fama addirittura al grand gourmand (e grandissimo pittore) Pieter Brueghel il Vecchio.
Il vino in bottiglia, in genere francese, è piuttosto caro, ma lo si può ordinare anche a caraffa (pichet) o a bicchiere. La birra è ottima e a buon mercato. Il servizio viene conteggiato automaticamente nella misura del 15%, più IVA. Le mance non sono richieste.

Fasce di prezzo
Ristoranti economici: da 10 a 20 euro
Ristoranti medi: da 20 a 30 euro
Ristoranti costosi: da 30 a 50 euro
Ristoranti molto costosi: più di 50 euro

Vedere / visitare

Parchi e riserve

Nonostante la notevole antropizzazione del territorio che per molti versi può essere definito "costruito" dall'uomo, anche in Belgio è stato possibile istituire delle aree di rispetto naturale.
La più estesa è rappresentata dal Parco Naturale Hautes Fagnes -Eifel (70.000 ettari), in provincia di Liegi, confinante con il parco tedesco di Nordeifel.
Notevole rilevanza, sotto il profilo scientifico, hanno anche alcune riserve naturali, tra le quali quella ornitologica dello Zwin sul Mare del Nord a una ventina di chilometri da Brugge; quella di Lesse et Lomme che ospita la celebre grotta di Han lunga 10 km; quella della Brugheria di Kalmthout nella Campine ecc.
Elenchiamo qui alcuni altri parchi:
Parc à Gibier de la Reid: tra Liège e Spa, che ospita più di 200 animali.
Etang de Virelles: riserva naturale di 100 ettari.
Domaine Provincial Het Leen: a Eeklo, copre una superficie di 214 ettari, è percorso da vari sentieri per passeggiate e in alcuni punti è autorizzata la pesca.
Numerosi sono i cosiddetti "parchi ricreativi" dove sono consentite anche attività sportive.

Da sapere

Orari apertura

Banche: da lunedì a venerdì, 9-12 e 13-16.

Poste: da lunedì a sabato, 9-17. Nelle piccole località gli uffici postali chiudono dalle 12 alle 14.

Negozi: da lunedì a sabato, 10-18/19. Molti supermercati chiudono alle 20. Nelle città turistiche la maggior parte dei negozi resta aperta anche la domenica.

Musei: in genere da martedì a domenica, 9/10-17.

Giorni festivi

2010
1° gennaio (Capodanno), 5 aprile (Lunedì dell’Angelo), 1º maggio (Festa del Lavoro), 13 maggio (Ascensione), 24 maggio (Lunedì di Pentecoste) 11 luglio (Festa della Comunità Fiamminga), 21 luglio (Festa Nazionale), 15 agosto (Assunzione), 27 settembre (Festa della Comunità Francofona), 1º novembre (Ognissanti), 11 novembre (Festa dell'Armistizio), 15 novembre (Festa della Dinastia), 25-26 dicembre (Natale e Santo Stefano).

Telefono

Dall'Italia al Belgio: comporre il prefisso internazionale 0032 (anche per i telefoni cellulari) seguito dal prefisso interurbano della località senza lo zero iniziale e dal numero dell'abbonato.
Dal Belgio all'Italia: comporre il prefisso internazionale 0039 seguito dal prefisso della località completo di zero iniziale e dal numero dell'abbonato.

Le cabine telefoniche accettano carte di credito o schede prepagate, in vendita presso gli uffici postali, le stazioni ferroviarie, le edicole e le tabaccherie.
Chiamate d'urgenza. Numero unico 112 oppure: Polizia: 101. Ambulanza: 100, Soccorso Stradale (RACB) 078152000 o (TCB) 070344777.
Telefoni cellulari. È possibile comunicare con l'Italia mediante il proprio apparecchio GSM. Per ulteriori aggiornamenti telefonare ai seguenti numeri utili: 119 (TIM), 190 (Vodafone) e 155 (Wind).

Altre informazioni

Brussels Card, tessera che consente la libera circolazione sui mezzi pubblici e l'accesso gratuito a 30 musei oltre a sconti e riduzioni in negozi, locali e attrazioni. Prezzo: 24/34/40 euro secondo la durata (24/48/72 ore); in vendita presso l'Ufficio Informazioni e Turismo di Bruxelles e, in Italia, presso Groundline Italia.

Gent - City Cards e Museum Pass, Per risparmiare tempo e denaro e godere a pieno dei tesori fiamminghi.

Biglietto combinato Vlaamsekunstcolletie. La tessera consente la visita del Museo Reale delle Belle Arti di Anversa, del Museo Groeninge di Brugge e del Museo delle Belle Arti di Gent nell’arco di 3 anni.

Itinerari per Bruxelles. L'Atelier di Ricerca e d'Azione Urbana-ARAU ha studiato per i turisti un ciclo di itinerari alternativi per scoprire le attrattive di Bruxelles. Il programma è disponibile presso l'Ufficio Belga del Turismo di Milano. Tra i tour in programma: Bruxelles 1900, che porta alla scoperta dei più bei palazzi in stile Liberty; la Grande Piazza e i suoi quartieri, una passeggiata nel cuore della città che consente di capire com'è nata la Bruxelles europea.

Parlamento Europeo a Bruxelles. I singoli visitatori non hanno bisogno di prenotare ma sono tenuti a presentarsi alle ore e nei giorni indicati, per i gruppi organizzati invece la prenotazione è obbligatoria e deve essere fatta mediante l'apposito modulo da compilare direttamente sul sito.

Disabili. Tutti i locali pubblici, almeno i più moderni (musei, teatri, chiese), gran parte degli alberghi più recenti e i trasporti pubblici sono forniti di speciali apparecchiature per favorire un accesso agevole anche ai diversamente abili.

Acquisti

Il turista italiano non ha particolare convenienza economica a fare acquisti in Belgio; ogni cosa, tranne il carburante e gli alimentari, costa quanto in Italia se non di più.
Tuttavia nessun turista vorrà lasciare il Belgio senza aver acquistato i famosi pizzi di Bruxelles o le ceramiche di Tournai. Va detto che i prezzi per i lavori di vero pregio, specie per i merletti e le ceramiche antiche, sono piuttosto elevati. Lo stesso vale per gli oggetti di antiquariato, settore di cui Bruxelles è un importante centro.

Eventi

Eventi

Anversa
15 agosto,
Mercato di Rubens - in costume d’epoca.
Binche
Carnevale e mezza quaresima,
Carnevale - il martedì grasso si festeggia con le maschere di Gilles in costume tradizionale.
Brugge/Bruges
Ascensione
Processione del Santo Sangue - una delle più antiche e importanti processioni storico-religiose.
Bruxelles
fine aprile/inizio maggio,
Le serre reali di Laeken - i sovrani aprono al pubblico, per circa 10 giorni, le porte delle serre del Palazzo.
Primo giovedì di luglio,
Ommegang - il corteo storico in costume ricorda la sfilata del 1549 in onore di Carlo V.
9 agosto,
Maiboom - corteo e innalzamento dell’albero di Calendimaggio.
settimana centrale di agosto (anni pari),
Tappeto di fiori - sulla Grand’Place (può essere ammirato dalle finestre del Municipio).
Gent/Gand
metà luglio,
Gentse Feesten - dieci giorni di musica, teatro, animazioni di strada, danze e fuochi d’artificio.
Grammont
Prima domenica di Quaresima,
Festa dei Krakelingen con grande fiaccolata.
Mons
Domenica dopo Pentecoste,
Processione del Carro d’Oro della Paltrona e il combattimento del Lumeçon (S. Giorgio e il Drago) - manifestazione risalente al XV secolo.
Waterloo
nei fine settimana da giugno ad agosto,
Ricostruzione della Battaglia Napoleonica.

Carta d'identità

SIGLA
B



CAPITALE
Bruxelles/Brussel

SUPERFICIE
30.528

ABITANTI
10.584.534



RELIGIONE
cattolica

LINGUA
nederlandese (dialetto fiammingo), francese (dialetto vallone); tedesco


ORA LOCALE
uguale all’Italia; anche il Belgio adotta l'ora legale estiva, da fine marzo a fine ottobre.