Turchia

Nazione

da non perdere

Scopri cosa offre questa nazione

da sapere

Istanbul, Santa Sofia /cc-by Archer 10
Istanbul, Santa Sofia /cc-by Archer 10

Il paese

Geografia

Confini. Nord: Mar Nero, Nord/Est: Georgia, Est: Armenia e Iran, Sud/Est Iraq e Siria, Sud: Mar Mediterraneo, Nord/Ovest: Bulgaria e Grecia.

Coordinate. Latitudine 39° Nord; Longitudine 35° Est.

Costituita in gran parte dalla penisola dell’Anatolia, tra il Mar Nero e i Mari Egeo e Mediterraneo Orientale, la Turchia, anche nel suo retroterra continentale asiatico, è in prevalenza montuosa; fa eccezione la Tracia (confinante con Grecia e Bulgaria) attraversata da pianure alluvionali.
L’Anatolia presenta un alternarsi di catene intervallate da vasti altipiani e depressioni spesso occupate da bacini lacustri (lago Tuz e lago di Van). Sulle sue coste settentrionali comunicano tre mari, Egeo, Marmara e Nero, tramite gli stretti dei Dardanelli e del Bosforo.
La rete fluviale del Paese è di scarso rilievo; con il caldo, gli stessi laghi dell’interno si ricoprono sovente di croste saline.
Le coste turche sviluppano circa 8333 km e sono particolarmente frastagliato sul lato occidentale, che si affaccia sull’Egeo con notevole ricchezza di siti archeologici; il lato mediterraneo a Sud è alto e roccioso, mentre quello settentrionale sul Mar Nero presenta un paesaggio verdeggiante per effetto del clima umido.

Popolazione, economia e politica

L'agricoltura (cereali e colture mediterranee) è ancora determinante nell'economia del Paese, caratterizzato da una povertà piuttosto diffusa e da un'industria arretrata dal punto di vista tecnologico.
Abbastanza sviluppato il settore turistico.

Clima

Clima marittimo solo sulla costa, con caratteri mediterranei lungo i litorali meridionali e occidentali e temperato-umidi lungo quelli settentrionali. La costa del Mar Nero ha un clima temperato, con estati calde e inverni piuttosto piovosi. Il clima ad Ankara è continentale: l’inverno è molto rigido con neve, ghiaccio e temperature che arrivano fino a -20 °C; l’estate è calda e secca con temperature sui 30-40 °C e forti escursioni termiche tra il giorno e la notte (la città si trova a 900 m di altitudine). A Istanbul l’estate è caldo-umida e gli inverni freddi e piovosi (anche nevosi); Izmir e Antalya hanno un clima mediterraneo con inverni miti ed estati molto calde.

Epoca del viaggio: Consigliate le stagioni intermedie (maggio-giugno e settembre) per visitare l'interno del Paese, mentre l'estate rimane la stagione ideale per un soggiorno al mare, con clima caldo-secco, soleggiato e ventilato.

Abbigliamento consigliato: Abiti leggeri o di media pesantezza; capi decisamente più caldi per l'inverno.

Prima di partire

Documenti personali

Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. È consentito l’ingresso anche con la sola carta di identità valida per l’espatrio e in corso di validita’ per coloro che:
- entrano in Turchia attraverso le frontiere per via aerea e marittima;
- entrano in Turchia dal confine greco e bulgaro per via terra e ferroviaria.
È invece assolutamente necessario il passaporto per coloro che entrano nel Paese, per via terra e ferroviaria, dai confini Sud-Est ed Est della Turchia.
Il passaporto è pure richiesto per coloro che si recano nel Paese per motivi diversi dal turismo; in particolare, tale documento è necessario per coloro che viaggiano con mezzi propri (auto, moto, camper ecc.); i veicoli in questione vengono iscritti sul passaporto al momento dell’ingresso in Turchia e tale iscrizione viene ricontrollata all’uscita.
Visto d'ingresso: a partire dal 23.5.2007, i turisti italiani non sono più soggetti al pagamento di 10 euro alla frontiera per ottenere il visto con validità trimestrale.

Valuta

Importazione/esportazione valuta locale. Libera ma si consiglia di dichiarare le somme in entrata; l'esportazione non deve superare il controvalore in YTL di 5000 $ USA o la somma dichiarata all'arrivo.
Importazione/esportazione valuta estera. Libera, con dichiarazione in frontiera; esportazione entro i limiti di quanto importato, oppure corrispondente all'equivalente di 5.000 $ USA.

Carte di credito. Sono generalmente accettate in negozi, alberghi e ristoranti: American Express, Access/Mastercard, Diners Club e Visa. Esistono distributori automatici di biglietti in valuta turca presso le banche Isbank e Yapi Ve Kredi, utilizzabili con le Carte Visa e Eurocard/Mastercard.

Dogana

Importazioni ammesse
Oltre a quanto riportato nelle Disposizioni doganali generali relative alla circolazione di merci nei Paesi extracomunitari, il turista italiano può importare in Turchia una quantità ragionevole di effetti personali, a condizione che sia evidente l’appartenenza dell’oggetto al suo proprietario e che l’oggetto sia usato, oltre a souvenir per un totale di 15.000 dollari USA (oltre tale cifra occorre fare una dichiarazione in frontiera).

Importazione cani e gatti
Occorre un certificato di buona salute rilasciato da un veterinario, attestante l'avvenuta vaccinazione antirabbica somministrata da più di 14 giorni ma da meno di sei mesi dalla partenza.

Restrizioni all'esportazione:
Per gli oggetti di particolare valore o rarità (come oggetti d'antiquariato o tappeti) sarà comunque opportuno prendere informazioni specifiche presso gli uffici doganali.

Si raccomanda di conservare sempre le ricevute d'acquisto.

Salute

Nessun tipo di vaccinazione è richiesto.

Tra Turchia e Italia non esistono convenzioni che estendano l’assistenza sanitaria nazionale ai turisti ed è quindi indispensabile munirsi, prima di partire, di un'assicurazione sanitaria che copra l'intera durata del soggiorno e l’eventuale rimpatrio di emergenza.

La struttura sanitaria è discreta, soprattutto nelle cliniche private.

Si sconsiglia vivamente di bere acqua da contenitori non sigillati e di mangiare cibi crudi (in particolare carne macinata).

Sicurezza

Per consigli e informazioni circa la situazione di sicurezza nei vari Paesi si rimanda al servizio Viaggiare Sicuri curato dall’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri in collaborazione con l’ACI.

Come arrivare e come muoversi

Aereo

Collegamenti aerei. Voli quotidiani sono assicurati dalla Compagnia di bandiera Turkish Airlines e da Alitalia da Roma e da Milano a Istanbul, nuovi collegamenti anche da Venezia. Voli diretti da Roma anche per Ankara, Antalya e Smirne (solo in estate). Sempre in estate sono numerosi i voli charter in partenza da varie città italiane.

Voli low cost.
My Air da Orio al Serio a Istanbul-Sabiha (SAW)
Adria Airways da Roma Fiumicino a Istanbul-Ataturk (IST)

Durata del volo: Milano-Istanbul: 2 ore e 55'; Roma-Istanbul: 2 ore e 30'.

Aeroporto principale. L'aeroporto di Istanbul Ataturk - IST si trova 24 km a sud-ovest dal centro ed è raggiungibile con l'autobus n. 96 che effettua il servizio ogni 55’, dalle 7 alle 19.40, coprendo il percorso in 30-60’.

Treno

Accessi ferroviari. Le ferrovie italiane non hanno collegamenti diretti per la Turchia; è necessario raggiungere Belgrado, e da qui proseguire per Sofia e infine per Istanbul.
Linee per Sofia: Venezia-Trieste-Lubiana-Zagabria-Belgrado-Nis-Sofia; oppure Venezia-ViennaBelgrado -Sofia. L'arrivo è previsto dopo circa 45/48 ore di viaggio.

Rete ferroviaria turca. Solo 8400 km di rete ferroviaria indicano la scarsa importanza del treno, che serve soprattutto per collegare le città più importanti e le zone di confine, ignorando totalmente la costa mediterranea. I treni sono gestiti dalle ferrovie turche, TCDD-Turkiye Cumhuriyeti Devlet Demiryollari e sono allineati allo standard europeo soltanto sul tratto Istanbul-Ankara. Nel complesso sono lenti (i tempi di percorrenza sono superiori rispetto agli autobus di linea), affollati e con basse frequenze, anche se il costo del biglietto è relativamente modesto. I Mavi Tren sono treni rapidi con supplemento sui percorsi più importanti; gli ekspresi sono espressi con tariffe maggiorate del 15% rispetto a quelle ordinarie; vi sono poi treni regionali e locali. Negli scompartimenti non c'è aria condizionata.
Un servizio di treni molto comodi, dotati di vetture-letto e vagoni ristorante, funziona sulle tratte: Istanbul-Kars; Istanbul-Izmir; Ankara-Isparta; Ankara-Burdur; Ankara-Basmane.
Un servizio per il trasporto auto e passeggeri funziona da maggio a ottobre tra Edirne e Villach (Austria).

Orient-Express. Esiste la linea: Istanbul-Bucarest-Budapest-Vienna-Venezia.

Le principali facilitazioni ferroviarie, in vendita in Italia presso le FS e le agenzie abilitate all'emissione:
- Inter Rail, nelle tre versioni: InterRail -12 (ragazzi 4-12 anni non compiuti), Inter Rail -26 (giovani 12-26 anni non compiuti) e Inter Rail +26 (oltre i 26 anni), è un biglietto di libera circolazione di 2ª classe, valido 12, 22 o 30 giorni, che permette di viaggiare sulle reti ferroviarie della "zona" o delle "zone" scelte tra le seguenti:
Zona A: Gran Bretagna, Irlanda, Irlanda del Nord
Zona B: Svezia, Norvegia, Finlandia
Zona C: Danimarca, Germania, Svizzera, Austria
Zona D: Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Bosnia-Erzegovina
Zona E: Francia, Belgio, Lussemburgo, Olanda
Zona F: Spagna, Portogallo, Marocco
Zona G: Italia, Slovenia, Grecia, Turchia e con le compagnie marittime di navigazione (EA e HLM) per la tratta Ancona-Bari-Brindisi-Corfù-Igoumenitsa-Patrasso e ritorno
Zona H: Bulgaria, Romania, Macedonia, Serbia, Montenegro.
L'Inter Rail dà titolo, inoltre, alla riduzione del 50% sui biglietti acquistati per raggiungere la zona o le zone prescelte.
Per maggiori informazioni rivolgersi alle stazioni ed agenzie di viaggio abilitate alla vendita.

Navigazione

Il viaggio via mare dall’Italia alla Turchia ha costi e tempi tali da renderlo consigliabile solo a chi intenda trasformarlo in una piccola crociera o desideri disporre della propria automobile senza dover affrontare un lungo viaggio in auto.

Principali traghetti, attivi da aprile a ottobre:
- Compagnia Marmara Lines. Linee:
BRINDISI-CESME (in 31 ore)
ANCONA-CESME (in 50 ore)

- Compagnia Mes Lines. Linea:
BRINDISI-CESME (in 32 ore)

Notizie automobilista

Sigla automobilistica: TR
Limiti di velocità.
50 km/h in città, 90 km/h in aperta campagna (40 km/h e 70 km/h con rimorchio o caravan) e 130 km/h in autostrada (con velocità minima 40 km/h).
Rete autostradale. Le autostrade sono a pagamento.
Norme di circolazione. Ogni autoveicolo deve avere a bordo una cassetta di pronto soccorso, un estintore e due triangoli. Nelle auto che ne sono provviste, occorre allacciare le cinture di sicurezza dei sedili anteriori. Il casco per ciclisti e motociclisti è obbligatorio. Il limite massimo di tasso d'alcol nel sangue è dello 0,05% per il conducente di un veicolo privato senza rimorchio e dello 0% per gli autisti professionali. La segnaletica è generalmente conforme al modello internazionale, con alcune varianti di facile comprensione. Accanto ai cartelli segnaletici delle località si trovano il numero degli abitanti (nufus) e spesso l'altitudine (rakim).
Pneumatici chiodati. L'uso delle gomme chiodate è vietato.
Autostop. È autorizzato ma sconsigliato. L'autostoppista NON è coperto dall'assicurazione RC del conducente.
Soccorso stradale. Il TTOK dispone di un servizio di soccorso stradale funzionante a Istanbul da lunedi a venerdi, dalle 8.30 alle 17; tel. 02122828140 (interno 217 o 223). Le piccole riparazioni sul posto sono gratuite.
Autonoleggio. Sono presenti le maggiori compagnie di autonoleggio. Per noleggiare una vettura occorre avere minimo 21 anni secondo il tipo di veicolo. Alcune compagnie richiedono il possesso della patente da almeno 1 o 2 anni. I pagamenti devono avvenire con carta di credito. Si consiglia di verificare le condizioni delle varie compagnie.

Documenti automobilista

Documenti per l'automobilista. Patente e libretto di circolazione italiani. È richiesta la Carta Verde con menzione Turchia sia per la parte europea sia per quella asiatica (Anatolia). Chi fosse sprovvisto di polizza assicurativa straniera valida per l'intera Turchia, deve sottoscrivere una polizza a breve termine sia presso la sede del TTOK a Istanbul, sia ai posti di frontiera di Kapikule, Ipsala e Derekoy, oppure presso gli Uffici del TTOK ad Ankara e Antalya, o nei porti di Izmir, Mersin o Iskenderun.

Trasporti pubblici urbani

Il mezzo di trasporto più economico è l'autobus, i cui biglietti vanno acquistati presso i chioschi, prima della partenza. I servizi di linea urbani presenti in tutte le città principali sono piuttosto efficienti e dotati di una rete che serve capillarmente ogni zona.
Taxi. A Istanbul, così come in tutte le città, sono numerosi, facilmente riconoscibili dalle strisce gialle e nere. Decisamente più economici sono i taxi collettivi, i dolmus, contrassegnati da una striscia gialla sulle fiancate, che seguono tragitti prestabiliti; ogni passeggero deve pagare secondo il percorso effettuato in base a tariffe fissate dalle autorità comunali.

Dormire

Alberghi

Gli esercizi alberghieri, il cui livello è stato generalmente migliorato in questi ultimi anni (soprattutto a Istanbul e sulla costa), sono classificati da 1 a 5 stelle.

Il TTOK ha promosso il restauro di molti antichi edifici tipici ad Istanbul, convertendoli in pensioni o alberghi.

Altra ospitalità

Ostelli
Ci sono alberghi per la gioventù a Istanbul, Kumla e Canakkale gestiti da Yüceit Interyouth Hostel. Per accedere agli ostelli occorre munirsi della tessera internazionale presso una delle numerose sedi dell’AIG - Associazione Italiana alberghi per la Gioventù (vedi sezione: indirizzi - altro).
La tessera costa 9 euro per ragazzi fino ai 18 anni non compiuti, 13 euro fino ai 26 anni non compiuti, 17 euro oltre i 26 anni e ha la durata di un anno solare (più il mese di dicembre precedente e il mese di gennaio successivo).

Campeggi
Le regioni in riva al Mediterraneo e all'Egeo sono le più indicate per il campeggio. Non ci sono campeggi organizzati a est di Adana né sul Mar Nero.
Non è necessaria un'autorizzazione per il campeggio libero, anche se è sempre preferibile ottenere l'autorizzazione dal proprietario del terreno.

Mangiare

Mangiare

La cucina turca è nota in tutto il mondo per la sua varietà e fantasia. La gamma è enorme: si comincia da una ricca colazione a base di tè (çay), pane bianco (ekmek), burro (tereyagi), miele (ba), marmellata (reçel), salsiccia (sucuk) e altro ancora. Si prosegue con il pranzo che consiste spesso di una zuppa di verdura seguita da antipasti e piatti di pesce e di carne. Tra gli antipasti spicca il börek, una sfoglia sottile di pasta ripiena di formaggio o carne tritata e insalata di melanzane, aglio e yogurt.
Alcuni piatti tipici sono il dolma (foglie di vite ripiene di riso), il pilav (riso condito con uva passa e pinoli), il doner kebap (carne di agnello allo spiedo), il manti (pasta ripiena con carne macinata, yogurt, aglio e peperoncino) e la pizza turca, una sottile sfoglia di pasta ricoperta di carne d'agnello o formaggio.
I dolci sono molto gustosi e originali. I più tipici sono il kadayif (lunghi fili di pasta con zucchero, noci, mandorle e panna montata), l'asurè (una minestra dolce e densa con frutta secca, fagioli, piselli secchi) e i più conosciuti baklava (pasta sfoglia con miele, pistacchi e noci).
Famoso tra le bevande è il caffè turco a cui si aggiungono la bevanda nazionale, il raki (simile all'acquavite), e l'ayran (un succo di yogurt).
In Anatolia, per antica tradizione la regione dei vini, si può trovare del vino delizioso e a buon mercato.

Ristoranti

Nelle principali città turche si trovano ristoranti di lusso e di livello internazionale e, dovunque nel Paese, un gran numero di piccoli ristoranti popolari.
I ristoranti di tipo internazionale offrono, in linea di massima, una cucina che, per poter accontentare tutti i gusti, finisce con l'essere anonima. Per chi desidera assaggiare la tipica cucina turca, i posti più indicati sono i ristoranti più modesti che propongono esclusivamente specialità locali, come le lokanta (trattorie a conduzione familiare), o ristori come gl ihazir yemek (luoghi in cui le vivande, già pronte, sono esposte su un bancone per essere poi servite al tavolo dopo la scelta). Caratteristici sono anche i kebapçi o köfteci (ristoranti specializzati nella preparazione del kebab, arrosto di montone o agnello, o dei köfte, polpette di agnello con spezie), che oltre alla carne offrono pochi altri piatti pronti, yogurt e insalate.
Nelle località più piccole si trovano solo modeste trattorie, il cui aspetto può risultare poco invitante; in realtà il cibo è appetitoso e sorprendentemente economico.

Vedere / visitare

Parchi e riserve

I parchi nazionali in Turchia sono molti. Alcuni tra i più importanti sono:
- Aladaglar (Ala Mountains), nella regione del Nidge, a 3756 m è il punto più alto nella catena del Taurus. La geomorfologia comprende flora e fauna ricche e piante sempre verdi.
- Altinbesik Cave, vicino a Aydinkent (Ibradi). Le grotte che nascondono interessanti formazioni rocciose e i laghi contribuiscono a rendere la zona molto affascinante. Particolare è la grotta di Altinbesik al cui interno si trovano molte piscine naturali. Presenti anche vari esempi di reperti geologici e geomorfologici.
- Altindere (valle di Altindere) è il parco più famoso nella regione del Mar Nero. È noto per le sue bellezze naturali e per il monastero di Sumela.
- Baskomutan, al confine con la provincia di Afyon, è un monumento ai caduti della Guerra di Indipendenza.
- Beysehir Gölü (lago Beysehir), a 60 km da Beysehir, presenta splendide strutture morfologiche, bellissimi uccelli e resti delle civiltà ittita, persiana, romana, bizantina, selgiuchide e ottomana.
- Dilek Yarimadasi (penisola di Dilek), nella provincia di Aydin; comprende una valle, un fiume, flora e fauna molto ricche e spiagge con spettacolari scogliere.
- Göreme, nella provincia di Nevsehir, molto interessante per le sue rocce a forma di cono e le sue splendide vallate. Vi si trovano cappelle risalenti all'epoca selgiuchide e bizantina oltre a città e chiese sotterranee.
- Honaz Dagi (monte Honaz), nella regione dell'Egeo; è uno dei luoghi più belli della zona, a un'altitudine di 2528 m. Il luogo è famoso in quanto insediamento dei primi cristiani: il suo nome antico è Colossae.
- Karagöl - Sahara, nei pressi di Savsat. È un territorio ricoperto da una foresta stupenda e da dove si gode di magnifici panorami. Nel parco nazionale del Sahara si trovano bellissimi laghi alpini e l'altopiano arriva a 1800 m di altitudine.
- Kaz Dagi (monte Ida), vicino alla baia di Edremit, è uno dei più belli della Turchia. Il monte Ida raggiunge i 1774 m di altezza ed è noto fin dall'antichità come montagna sacra. Secondo il mito qui si sarebbe svolto il primo "concorso di bellezza", che vide vincitrice Afrodite, premiata da Paride con una mela d'oro, su Hera e Atena; per ricordare questo episodio ogni anno si tiene sul monte Kaz un concorso di bellezza.
- Soguksu (acque fredde), vicino ad Ankara, ricco di acque termali e altopiani boscosi incisi da piccole vallate.

Altri parchi ricchi di reperti archeologici, magnifici panorami, fauna e flora lussureggiante sono: Beydaglari-Olympos, Bogazkale-Alacahöyük, Gelibolu Yarimadasi, Güllük Dagi-Termessos, Hatilla Valley, Ilgaz Dagi, Kaçkar Mountains, Karatepe-Aslantas, Kizil Dag, Kovada Gölü, Köprülü Kanyon, Kuscenneti, Munzur Vadisi, Nemrut Dagi, Spil Dagi, Uludag, Yedigöller, Yozgat Çamligi.

Da sapere

Orari apertura

Banche: da lunedì a venerdì, 9-12 e 13.30-17

Poste: Gli uffici centrali a Istanbul e Ankara sono aperti 24 ore su 24; gli altri uffici da lunedì a venerdì, 8-12 e 12.30-16.30

Negozi: da lunedì a sabato, 9.30-13 e 14-19. Molti negozi praticano l’orario continuato. Il Gran Bazar di Istanbul è aperto dalle 8 alle 19 (chiuso la domenica). I negozi di alimentari restano aperti più a lungo

Musei: 8.30-12 e 13.30-17 (17.30 in estate), chiusi il lunedì (il museo di Topkapi il martedì). Ad Ankara numerosi musei sono chiusi il primo giorno delle feste religiose

Giorni festivi

2010
1°-2 gennaio (Capodanno), 23 aprile (Festa dell'Infanzia e dell'Indipendenza), 1° maggio (Festa del Lavoro), 19 maggio (Festa della Gioventù e dello Sport), 30 agosto (Festa della Vittoria), 8 settembre (fine del Ramadan), 29 ottobre (Festa della Repubblica), 16 novembre (Kourban Bayrami/Festa del Sacrificio).
N.B.: In tutti i Paesi islamici il venerdì è il giorno del riposo settimanale.

Il Ramadan corrisponde al nono mese del calendario musulmano e varia di anno in anno; durante il Ramadan tutti i fedeli sono chiamati a osservare la totale astinenza da cibo, fumo, bevande e ogni altro divertimento dall’alba fino al tramonto. In questo periodo gli orari di apertura di uffici pubblici, negozi e musei possono variare rispetto a quanto in vigore nel resto dell’anno; anche gli orari dei trasporti e degli uffici alle frontiere possono subire variazioni. Alcuni ristoranti non servono pasti prima del tramonto e inoltre sono proibiti la vendita e il consumo di bevande alcoliche.

Telefono

Dall'Italia alla Turchia: comporre il prefisso internazionale 0090 seguito dal prefisso locale (senza lo zero iniziale) e dal numero dell’abbonato.
N.B.: Istanbul ha due prefissi distinti: 212 per la parte europea e 216 per quella asiatica.
Dalla Turchia all'Italia: comporre il prefisso internazionale 0039 seguito dal numero dell'abbonato.
Alcuni telefoni pubblici, situati presso gli uffici postali, funzionano con tessere prepagate (da 1.5 YTL a 5.5 YTL, dalle 30 alle 120 unità), altrimenti si utilizzano gettoni di diverse dimensioni in base al tipo di telefonata da effettuare (urbana, interurbana o internazionale).
Chiamate d'urgenza. Polizia 155, Pronto Soccorso 112, Pompieri 110, Informazioni sanitarie 184. Alcune linee telefoniche della Polizia sono dedicate ai problemi turistici: Istanbul 02125285369 e 02125274503; Ankara 03123840606; Izmir 02324173785; Antalya 02422430486.
Soccorso stradale. L'Automobile Club turco (TTOK) offre un servizio di aiuto ai turisti funzionante a Istanbul da lunedi a venerdi, dalle 8.30 alle 17; tel. 02122828140 (interno 217 o 223).
Telefoni cellulari. In Turchia è possibile comunicare con l'Italia mediante il proprio apparecchio GSM. Per ulteriori informazioni telefonare ai seguenti numeri utili: 119 (TIM), 190 (Vodafone) e 155 (Wind).

Altre informazioni

Moschee. Sono visitabili da tutti, al di fuori degli orari di preghiera, quindi è sempre escluso il venerdì. Come sempre, occorre togliersi le scarpe e vestire in modo decoroso (evitare gli abiti sbracciati e scollati, i pantaloni corti,.le minigonne).
Quando non è consentito scattare foto ci sono cartelli con la scritta Yasak Bolge o Yabancilara Yasaktir.

Acquisti

Tra i vari piaceri che la Turchia può offrire a un turista lo shopping è sicuramente uno dei maggiori.
La grande varietà dell'artigianato tradizionale fa sì che si possano trovare oggetti per la casa e per la cucina, oltre a una serie di souvenir tipici che si rifanno alla tradizione turca.
Tra i più richiesti spiccano i tappeti, ma anche vasi in bronzo, ceramiche, porcellane, ricami, articoli in pelle e cuoio (molto diffusi e raffinati in Turchia) e i noti sali marini turchi.
Acquisti originali possono essere il gioco del backgammon, gioco tradizionale turco, e il "narghilé", la tradizionale pipa ad acqua.
N.B.: per un tappeto nuovo sarà necessario esibire all'uscita dal Paese la prova dell'acquisto; per le antichità invece è indispensabile un certificato della direzione dei musei dal momento che è vietato esportare antichità dalla Turchia.
Gli oggetti personali che abbiano un certo valore possono essere esportati solo se sono stati registrati nel passaporto del proprietario al momento dell'entrata oppure provando che sono stati acquistati con moneta cambiata legalmente.
I minerali possono essere esportati dal paese solo con un documento speciale ottenuto da: MTA - Direzione Generale dell'Esplorazione Mineraria e delle Ricerche (vedi Link utili: Formalità doganali).

Rimborso dell’IVA. È possibile ottenere il rimborso dell'IVA se il valore dei beni acquistati è piuttosto consistente (causa la forte svalutazione della lira turca non è possibile stabilire l’ammontare della cifra. È opportuno quindi contattare gli uffici della rappresentanza diplomatica in Italia prima della partenza). I negozi autorizzati a vendere articoli in esenzione fiscale devono esporre uno speciale permesso.
Chi voglia beneficiare dell'esenzione fiscale deve lasciare il Paese entro 3 mesi con i beni acquistati e deve mostrarli alla dogana turca insieme alle ricevute di pagamento. (vedi Link utili).

Eventi

Carta d'identità

SIGLA
TR



CAPITALE
Ankara

SUPERFICIE
783.562

ABITANTI
72.974.000



RELIGIONE
musulmana

LINGUA
turco; altre lingue: curdo


ORA LOCALE
un'ora in più rispetto all'Italia; la Turchia non adotta l'ora legale estiva.

ALLEGATI