Ungheria

Nazione

da non perdere

Scopri cosa offre questa nazione

da sapere

Budapest /cc-by Kieran Linam
Budapest /cc-by Kieran Linam

Il paese

Geografia

Confini. Nord: Slovacchia, Nord/Est: Ucraina, Est: Romania, Sud: Serbia e Montenegro, Sud/Ovest: Croazia e Slovenia, Ovest: Austria.

Coordinate. Latitudine 49°-46° Nord; Longitudine 16°-23° Est

Il territorio è diviso in due dal Danubio. La parte occidentale (Transdanubio) presenta una grande varietà di paesaggi e ospita il lago Balaton. La parte orientale (Cisdanubio) coincide con la Pianura Ungherese. A Nord si innalzano le cime più elevate del Paese, ricoperte da fitte foreste di querce.

Popolazione, economia e politica

Nel 1995 è stato avviato un esteso piano di privatizzazioni che coinvolge sia il settore industriale, che già dava segnali di ripresa dopo anni di forte crisi produttiva, sia quello agricolo (nel quale l’allevamento costituisce il vero punto di forza). Il turismo in questi ultimi anni è diventato un’importante fonte di reddito.

Clima

Clima prevalentemente continentale, con estati generalmente calde e inverni freddi con neve e nebbia.
La primavera e l'autunno sono piuttosto mutevoli. In primavera e all'inizio dell'estate sono frequenti i temporali. Tra i Paesi dell'Europa centrale, l'Ungheria è quello con il maggior numero di ore di insolazione (circa 2000 all'anno).

Epoca del viaggio: Da maggio a settembre (a Budapest tutto l'anno).

Abbigliamento consigliato: Abiti leggeri in estate con qualche capo più pesante per la sera, eventualmente un impermeabile o un ombrello. In Inverno vestiti caldi, cappotto, stivali o scarpe da pioggia e da neve.

Prima di partire

Documenti personali

Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. Il Paese fa parte dell’UE. In base agli accordi di Schengen, alle frontiere non è più effettuato il controllo del documento d'identità valido per l'espatrio, che è comunque necessario avere con sé per dimostrare di appartenere a uno dei Paesi aderenti all'accordo.

Valuta

Importazione/esportazione valuta locale. Libera
Importazione/esportazione valuta estera. Libera.

Bisogna dichiarare la valuta equivalente a 10,000 o più euro per persona, agli uffici doganali di ingresso o d'uscita dal territorio.

Carte di credito. Le principali carte di credito sono accettate nei maggiori alberghi, ristoranti, grandi magazzini, agenzie di viaggio e autonoleggi.

Dogana

Si rimanda alle Disposizioni doganali relative alla circolazione di merci nei Paesi dell'UE all’interno della sezione Informazioni Generali.

Importazione cani e gatti
Grazie alla recente introduzione del sistema dei Passaporti per Animali Domestici (modello unico in tutta la UE) è possibile portare al seguito cani, gatti e furetti nei Paesi dell’UE purché muniti di microchip o di tatuaggio di riconoscimento, di passaporto rilasciato dall'autorità competente e di certificato di vaccinazione antirabbica.

Salute

Nessuna vaccinazione è richiesta o consigliata.

L'Ungheria riconosce la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM), distribuita a tutti i cittadini italiani a partire dal 2004, che consente di ottenere le prestazioni sanitarie urgenti presso gli enti mutualistici convenzionati alle stesse condizioni riservate agli assicurati locali, ma che in nessun caso prevede il rimpatrio del malato (per avere questo tipo di garanzia è necessario stipulare un'assicurazione privata).

Sicurezza

Per consigli e informazioni circa la situazione di sicurezza nei vari Paesi si rimanda al servizio Viaggiare Sicuri curato dall’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri in collaborazione con l’ACI.

Come arrivare e come muoversi

Aereo

Collegamenti aerei. La Compagnia di bandiera Malev Hungarian Airlines in codesharing con Alitalia effettua i collegamenti aerei tra Italia e Ungheria. Budapest è collegata con voli giornalieri diretti a Milano e Roma.

Voli low cost.
Sky Europe collegamenti giornalieri da Orio al Serio, Venezia, Roma-Fiumicino, Napoli e Bologna per Budapest
Wizz Air collega Roma-Ciampino a Budapest

Durata del volo. Milano-Budapest 1 ora 45'; Roma-Budapest 2 ore.

Aeroporto principale. Il Budapest Ferihegy Airport - BUD si trova a 16 km a sud-est di Budapest. L’autobus di linea urbano n. 93 arriva al capolinea della metropolitana (linea blu) Kobanya-Kispest. Il biglietto dal 1° febbraio 2010 costa 320 HUF (1,20 euro circa), si può acquistare in aeroporto presso chioschi e tabaccherie, ai distributori automatici oppure direttamente sull'autobus ma a prezzo maggiorato (400 HUF, pari a circa 1,50 euro). Attivo 24 ore su 24 il servizio Airport Minibus che assicura il trasporto dei passeggeri a qualsiasi indirizzo di Budapest e viceversa, con una tariffa fissa (biglietto di andata: circa 11 euro, A/R 18,50). Per usufruire del servizio Airport Minibus dall'albergo all'aeroporto prenotare con almeno 24 ore di anticipo, dal sito web dell'aeroporto.

Treno

Accessi ferroviari. Non esistono linee dirette da Milano e Roma. I principali collegamenti (con cambi previsti a Verona/Venezia/Kufstein/Vienna) sono:
Roma-Bologna-Venezia-Trieste-Zagabria-Budapest, in 24/25 ore;
Roma-Padova-Venezia-Vienna-Budapest (in 26/27 ore);
Milano-Padova-Venezia-Trieste-Zagabria-Budapest (in 15 ore);
Milano-Verona-Kufstein-Vienna-Budapest (in 15/16 ore).

Le Ferrovie Statali Ungheresi, MAV-Magyar Allami Vasutak, gestiscono una rete centralizzata, che collega tutte le maggiori città e i centri turistici più frequentati; i trasporti più rapidi sono effettuati dai treni Intercity, e direttissimi, gyorsvonat.

Rail-Bus. Una rete di minibus opera presso l'area arrivi delle stazioni. Consente ai passeggeri dei treni di raggiungere qualsiasi indirizzo in Ungheria. Tariffe: in Budapest 1100/2100 HUF (4/8 euro circa) in base al distretto; tra le stazioni 1100 HUF a persona; tra gli aeroporti Ferihegy e le stazioni ferroviarie 2100 HUF.

Treno Nostalgia. Affascinante il "treno-nostalgia" con locomotiva a vapore gestito dalla MÁV Nosztalgia Kft; i viaggi sono organizzati sia sul territorio ungherese, sia all’estero.

Trenini a scartamento ridotto. Più di 15 linee a scartamento ridotto attraversano per 380 km i più bei paesaggi ungheresi. Informazioni presso l'Ufficio del Turismo.

Orient-Express. Il mitico treno attraversa l'Ungheria toccando Budapest sulle seguenti linee: Venezia-Vienna-Budapest; Londra-Parigi-Venezia-Vienna-Budapest; Istanbul-Bucarest-Budapest-Vienna-Venezia.

Le principali facilitazioni ferroviarie, in vendita in Italia presso le FS e le agenzie abilitate all'emissione:
- Inter Rail, nelle tre versioni: InterRail -12 (ragazzi 4-12 anni non compiuti), Inter Rail -26 (giovani 12-26 anni non compiuti) e Inter Rail +26 (oltre i 26 anni), è un biglietto di libera circolazione di 2ª classe, valido 12, 22 o 30 giorni, che permette di viaggiare sulle reti ferroviarie della "zona" o delle "zone" scelte tra le seguenti:
Zona A: Gran Bretagna, Irlanda, Irlanda del Nord
Zona B: Svezia, Norvegia, Finlandia
Zona C: Danimarca, Germania, Svizzera, Austria
Zona D: Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Bosnia-Erzegovina
Zona E: Francia, Belgio, Lussemburgo, Olanda
Zona F: Spagna, Portogallo, Marocco
Zona G: Italia, Slovenia, Grecia, Turchia e con le compagnie marittime di navigazione (EA e HLM) per la tratta Ancona-Bari-Brindisi-Corfù-Igoumenitsa-Patrasso e ritorno
Zona H: Bulgaria, Romania, Macedonia, Serbia, Montenegro.
L'Inter Rail dà titolo, inoltre, alla riduzione del 50% sui biglietti acquistati per raggiungere la zona o le zone prescelte.
Per maggiori informazioni rivolgersi alle stazioni ed agenzie di viaggio abilitate alla vendita.

Navigazione

Navigazione fluviale. Un traghetto con trasporto vetture e passeggeri attraversa il Danubio da Sturovo (Slovacchia) a Esztergom.

Aliscafo nell'Ansa del Danubio: Budapest piazza Vigado-Visegrad-Esztergom. Operativo nei fine settimana estivi. Durata del viaggio: 1 ora e 30'.

Battello nell'Ansa del Danubio: Budapest piazza Vigado-Szentendre-Visegrad, giornaliero da aprile a ottobre; Budapest piazza Vigado-Visegrad -Esztergom, da maggio ad agosto.

Battello a Budapest: viaggio di 1 ora e 30' sul tratto di fiume cittadino, con possibilità di cena a bordo e spettacolo folcloristico.

Crociere sul Danubio sono proposte in Italia dalle agenzie Utat, Viva e Giver.

I maggiori centri del lago Balaton sono serviti, da fine giugno e inizio settembre, da battelli con musica. Per informazioni rivolgersi alla compagnia Mahart (Link utili). Tra Tihany e Szantod operano servizi di traghetto con trasporto auto dalle 6.30 alle 24.

Notizie automobilista

Sigla automobilistica: H
Limiti di velocità.
50 km/h nei centri abitati, 90 km/h sulle strade provinciali, 110 km/h sulle nazionali e 130 km/h in autostrada.
Rete autostradale. È obbligatorio acquistare l'autoadesivo di pedaggio autostradale ("vignette") per circolare sulle autostrade M1 (Budapest-Hegyeshalom), M3 (Budapest-Görbehaza, direzione Miskolc-est), M5 (Budapest-Kiskunfélegyháza), M6 ( Erd- Dunaujvaros) e M7 (Budapest-Lago Balaton). La vignette è in vendita presso le agenzie delle società autostradali, i 24 uffici dell'A.C. ungherese (MAK), le maggiori stazioni di servizio situate in autostrada, nonché alcuni uffici degli A.C. austriaco e slovacco. In distribuzione alle frontiere delle brochures sull'argomento; in Ungheria informazioni al numero 0640405060. Le vignette per moto, auto e veicoli fino a 3,5 t, (compreso rimorchio e caravan) e per i pullman da 7,5 t a 12 t hanno validità 10 giorni (2550 HUF); mensile (4200 HUF); annuale: (37.000 HUF). Sono disponibili anche vignette con validità 4 giorni a prezzi variabili. Multe ingenti a chi non è in possesso della vignette.
Norme di circolazione. La segnaletica è di tipo internazionale. È vietato l'uso di alcolici per chi è alla guida (tasso di alcolemia consentito dello 0%); con un tasso fino allo 0,08% viene ritirato il passaporto fino al pagamento dell'ammenda, per un tasso superiore allo 0,08% si viene sottoposti a processo. I bambini di altezza inferiore al metro e mezzo possono viaggiare sul sedile anteriore, soltanto con cintura apposita, purché non sia attivo l'airbag. Nelle auto che ne sono provviste è obbligatorio allacciare le cinture di sicurezza sui sedili anteriori (su quelli posteriori solo fuori dai centri abitati). I fari anabbaglianti devono restare accesi anche durante il giorno fuori dai centri abitati per le auto e ovunque per moto e ciclomotori. È indispensabile tenere in auto un triangolo e un kit di pronto soccorso. Per i motociclisti e gli eventuali passeggeri è obbligatorio il casco. Nel centro di Budapest è vietata la circolazione agli automobilisti non residenti in due zone: il quartiere Castello e l'isola Margherita, entrambe raggiungibili con servizi di autobus (rispettivamente n. 16 e n. 26). È vietato l'uso di segnali acustici nei centri abitati. La macchina parcheggiata in zona vietata o dopo la scadenza del tempo concesso dal parchimetro può essere prelevata dalla polizia stradale; in tal caso occorre rivolgersi, per Budapest, al seguente indirizzo: 1053 Budapest, Akadémia u. 1-3, tel. 3321530.
Pneumatici chiodati. Vietati. Per le catene da neve l'uso è consentito solo se la strada è innevata.
Autostop. È consentito eccetto che sulle autostrade. Esiste un'organizzazione che mette in contatto automobilisti e autostoppisti: Utitars Kozvetito Iroda, Bakats ter 9, 1029 Budapest, tel. 01377124. L'autostoppista è coperto dalla RC del proprietario del veicolo.
Soccorso stradale. Il centro, gestito dal MAK, funziona 24 ore su 24. In caso di necessità occorre chiamare il numero 188 oppure lo 013451755 (centro di soccorso internazionale con personale che parla varie lingue straniere). Il soccorso stradale d'emergenza è effettuato dall'Autoclub Ungherese (numero di telefono in tutto il Paese: 088).
Autonoleggio: sono presenti le maggiori compagnie di autonoleggio. Per noleggiare una vettura occorre avere minimo 21 anni e avere la patente da almeno un anno. I pagamenti devono avvenire con carta di credito. Si consiglia di verificare le condizioni delle varie compagnie.

Documenti automobilista

Documenti per l'automobilista. Patente e carta di circolazione italiane. All'interno della UE la polizza assicurativa italiana copre automaticamente tutti i rischi relativi alla RCA, senza bisogno di ulteriori documenti.

Trasporti pubblici urbani

Nelle tabaccherie, stazioni del metrò e chioschi sono in vendita biglietti validi per tutti tipi di mezzi. Il biglietto singolo (acquistabile anche in vettura) costa 270 HUF (350 quelli validi per il servizio notturno), il carnet da 10 viaggi 2350 HUF. I servizi rapidi di tram (indicati da una E seguita da numeri rossi) circolano da capolinea a capolinea senza fermate intermedie. I biglietti giornalieri di libera circolazione costano 1550 HUF (per 3 giorni 3400; per una settimana 4000). Esistono ulteriori agevolazioni per famiglie, bambini, giovani ecc. Se si esce dal confine di Budapest, i biglietti sugli autobus valgono fino al capolinea; sulla linea HEV (servizio di ferrovia suburbana), se si oltrepassa tale confine è necessario un biglietto supplementare.

Altri mezzi di trasporto nella capitale:
- la funicolare da Clark Ádám tér (ponte delle Catene) a Szent György tér (Palazzo Reale)
- la ferrovia a cremagliera da Városmajor alla collina di Széchenyi
- la ferrovia per bambini sul monte Széchenyi a Hűvösvölgy (Valle Fresca)
- la seggiovia Libegö da Zugligeti út al monte János (torre panoramica, 526 m)
- Bringohinto: veicolo speciale a pedali, a 2-6 posti, da noleggiare nell'Isola Margherita.

Budapest Card (Budapest Kartya). È una tessera di libera circolazione valida per 2/3 giorni su tutti i mezzi pubblici e include il giro della città a metà prezzo, l'ingresso a 60 musei e alcuni monumenti d'arte, sconti per spettacoli, terme, negozi, ristoranti, servizio Airport Minibus ecc. più una guida di 100 pagine che illustra tutti i servizi offerti dalla carta. Il costo è di circa 21 euro per 2 giorni (25 euro per 3). I minori di 14 anni, accompagnati da un adulto in possesso della tessera, non pagano. La tessera è acquistabile presso uffici turistici, alberghi, ostelli, musei, agenzie di viaggio e le biglietterie dei mezzi pubblici.

Dormire

Alberghi

Gli alberghi sono classificati in 5 categorie, secondo un numero decrescente di stelle; quelli delle catene internazionali sono perlopiù di 4/5 stelle.

Si alloggia anche presso le pensioni (panzió), alloggi d'ambiente familiare, classificate in tre categorie in base ai servizi offerti, o in ostelli, classificati in base alla tipo di sistemazione offerta: camere doppie con bagno o stanze a più letti con bagno in comune. La prima colazione è sempre inclusa.

Castelli
Negli ultimi anni sono stati ristrutturati molti castelli o antiche dimore da adibire ad alberghi. Si trovano più o meno lontano dai centri abitati, di solito in un parco ben curato; molti sono attrezzati con piscina e campi da tennis. La gran parte dei castelli è in grado di accogliere clienti appassionati di equitazione. Tutti hanno ottima cucina e prezzi convenienti. Oltre alle informazioni che si possono ottenere presso l'Ente del Turismo, rimandiamo ai Link utili; per maggiori informazioni richiedere la brochure "Rocche, Fortezze e castelli d'Ungheria" all'Ufficio del Turismo Ungherese.

Altra ospitalità

Ostelli
Gli ostelli ungheresi sono distribuiti su tutto il territorio e sono aperti perlopiù nei mesi estivi. Il riferimento è la Mellow Mood Travel Agency.
Per accedere agli ostelli occorre munirsi della tessera internazionale presso una delle numerose sedi dell’AIG - Associazione Italiana alberghi per la Gioventù (vedi sezione: indirizzi - altro).
La tessera costa 9 euro per ragazzi fino ai 18 anni non compiuti, 13 euro fino ai 26 anni non compiuti, 17 euro oltre i 26 anni e ha la durata di un anno solare (più il mese di dicembre precedente e il mese di gennaio successivo).

Campeggi
Vi sono circa 250 parchi di campeggio attrezzati, classificati da 1 a 4 stelle e aperti in genere da maggio a fine settembre. Sono situati soprattutto sul lago Balaton, sul Danubio e nelle zone termali; spesso attrezzati di bungalow in legno (da 2 a 7 letti).
Il campeggio libero non è consentito.

Agriturismo
Circa 2000 agriturismi sono distribuiti su tutto il territorio.

Alloggi presso privati
Sono a disposizione a Budapest e nei maggiori centri del Paese, nei luoghi di villeggiatura e di escursione. La scelta è molto vasta dal punto di vista sia del numero delle camere sia della qualità. Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere, tra le altre, all'Agenzia IBUSZ Hotel Service o al sito dell'Ufficio del Turismo di Budapest.

Mangiare

Mangiare

La celebre cucina ungherese si fonda su tre portate principali: le minestre, le carni con contorno e i dolci; nei primi e nei secondi piatti domina solitamente il color rosso vivo, il colore della paprika, cioè della polvere di peperoncino rosso. Oltre alla paprika altri ingredienti tipici della cucina ungherese sono la cipolla, l'aglio, il pepe e il cumino.
I magiari amano attardarsi a tavola, specie la sera, e macinare implacabilmente porzioni di minestra, di carne (qualche volta di pesce d'acqua dolce), di dolci, innaffiando il tutto con i generosissimi vini e la birra locale. Qui non si usa iniziare il pranzo con gli antipasti, che rientrano piuttosto nella cucina internazionale; in Ungheria si comincia subito con le minestre e quella più caratteristica, che si trova sempre, è il gulyás, una zuppa con pezzi di manzo o di pecora che, anche se arricchita da cipolle, paprika, pepe, cumino e aglio non è un piatto eccessivamente piccante (quello che all'estero si chiama "gulasch" in Ungheria corrisponde a uno spezzatino di carne chiamato pörkölt).
Altre minestre sono la tyúkhúsleves, di pollo, leggera e gradevolissima; il bableves, di fagioli con pezzetti di carne di maiale affumicato e paprika. Nel periodo estivo si serve una minestra fredda e dolce, fatta con frutta cotta e panna dolce. La più popolare è la meggyleves (minestra di amarene) ma ne esistono varie altre indicate genericamente col nome gyümölcsleves, cioè "zuppa di frutta".
I piatti di carne aprono la loro nutrita sfilata con il tradizionale pörkölt (quello che per gli occidentali è il gulasch), spezzatino di carne (pollo, manzo o vitello, maiale, pecora, selvaggina) preparato con cipolle, paprika, cumino e talvolta con un po' di vino; il tejfölös paprikas è lo stesso piatto servito con panna acida.
Altro piatto molto noto e il töltöttkáposzta, cavoli farciti con carne trita e riso. Sulle liste dei ristoranti si trova spesso lo székelygulyás, gulasch fatto secondo l'uso locale o dello chef. Un'altra specialità tradizionale che si mangia solo nelle trattorie, e la töltöttpaprika, peperoni ripieni di ragù di carne di maiale, riso e varie spezie, tutto in un delicato sugo di pomodoro.
Naturalmente si trovano anche numerosi piatti di carne ai ferri, cotta sulla brace, che prende denominazioni diverse; va comunque tenuto presente che la parola rántott indica la carne impanata e fritta e la parola roston la carne fritta o cotta alla griglia. Tra i vari tipi di condimenti ci sono le insalate già condite prima di essere servite.
Tra i piatti di pesce il più celebre è la halaszlé, una squisita zuppa di pesce di cui esistono due varianti: quella del Balaton e la zuppa di pesce di Szeged. Il pesce più noto del Balaton è il fogas, dentice, servito fritto o alla griglia, nelle località sulle rive del Danubio e del Tibisco si serve soprattutto il ponty, carpa cucinata nei modi più svariati. Non molto ricca è la lista dei formaggi, per la maggior parte di consumo locale e spesso di sapore piuttosto forte.
Nella cucina ungherese non mancano i dessert, che si distinguono in caldi e freddi.
Gli Ungheresi amano bere un forte aperitivo, la pálinka, una grappa che prende nomi diversi a seconda del frutto da cui viene distillata.

Ristoranti

Dovunque gli alberghi hanno uno o più ristoranti. L'Ungheria è da sempre famosa per la sua cucina, che si vuole, secondo l'opinione occidentale, saporita e piccante: ciò non è del tutto esatto perché pochi sono i piatti forti (ma digeribilissimi), come pochi sono i piatti appesantiti dai grassi (questi di non facile digestione). In molti ristoranti si è rallegrati, sia di giorno sia di sera, da orchestrine zigane, sostituite talvolta, soprattutto negli alberghi, dal pianoforte. La cucina è buona negli alberghi, ma è senza dubbio migliore nei ristoranti veri e propri. Anche il turista più affrettato deve fare una sosta in alcuni dei locali più caratteristici: in una csàrda, l'antica osteria che un tempo sorgeva isolata lungo le principali strade o nei luoghi più celebri della puszta e che oggi ospita le tipiche osterie ricche di folclore presenti anche nelle città; in una cantina (pince), che può essere anche unita a un ristorante, dove si mesce vino e si servono piccoli assaggi insaporiti da abbondante paprika; in una pasticceria (cukràszda) o in un caffè (eszpresszò), locali vecchio stile, dove vengono servite paste e squisite fette di torta e si bevono caffè, cioccolata e tè.

Vedere / visitare

Parchi e riserve

Il problema della protezione dell'ambiente naturale è stato affrontato in Ungheria solo nel secondo dopoguerra quando vennero posti dei vincoli (1950) alla penisola di Tihany, nella frequentata area turistica del lago Balaton. Ma è soltanto nel corso degli anni Settanta del XX secolo che, in seguito a specifiche iniziative legislative, si concretizza l'istituzione dei primi parchi nazionali.

- Hortobágy Nemzeti Park (70.000 ettari). Istituito nel 1972, si estende sulla classica "puszta" ungherese a ovest di Debrecen, nella piana alluvionale del Tibisco; oltre alla fauna e alla vegetazione tipiche dell'ambiente steppico, presenta anche aspetti tradizionali dell'insediamento e della vita pastorale, comprende zone umide e residui lembi di bosco; relativamente scarsi i piccoli mammiferi, ma ricca l'avifauna.

- Kiskunság Nemzeti Park (30.600 ettari). Istituito nel 1975, si estende a sud di Budapest; presenta aspetti caratteristici della "puszta" con una ricca avifauna e specie tipiche dell'allevamento tradizionale (pecore racka), oltre a cinghiali lanosi, cavalli pomellati ecc. in un ambiente dove si alternano dune e depressioni palustri.

- Bükk Nemzeti Park (38.000 ettari). Istituito nel 1976, nella regione montuosa a ovest di Miskolc, si sviluppa su un altopiano calcareo rivestito di faggi e ricco di centinaia di specie floristiche, con numerose grotte che ospitano stazioni preistoriche (Szeleta); tra i mammiferi, oltre a cervi e cinghiali, vi pascolano i celebri cavalli lipizzani; molto rare le specie dell'avifauna.

- Aggtelek Nemzeti Park (20.160 ettari). Istituito nel 1985, a nord di Miskolc, al confine slovacco, in una regione di rilievi calcarei ricchi di grandiosi fenomeni carsici, con grotte lunghe decine di chilometri (sistema carsico di Baradla-Domica) e tipica flora di ambiente calcicolo.

Complessivamente le aree protette occupano una superficie di circa 600.000 ettari (pari a poco più del 6% del territorio nazionale). Esse comprendono anche una quarantina di "aree di protezione del paesaggio" e più di un centinaio di "riserve naturali" di interesse nazionale, oltre a numerose altre di interesse locale. In particolare, una decina sono le zone umide protette di importanza internazionale riconosciute come tali dalla Convenzione di Ramsar (come il lago Fertö) e altrettante le "riserve della biosfera" tutelate dall'Unesco.

Altri parchi:
- Körös-Maros National Park
- Balaton National Park
- Duna-Dráva National Park
- Duna-Ipoly National Park
- Fertő-Hanság National Park.

Per informazioni generali, vedere il sito del Ministero dell'Ambiente Ungherese.

Da sapere

Orari apertura

Banche: da lunedì a giovedì, 8-17; venerdì, 8-15

Poste: da lunedì a venerdì, 8-18 (negli uffici delle principali stazioni della capitale, da lunedì a sabato, 8-21); sabato, 8-13

Negozi: da lunedì a venerdì, 10-18; sabato 9-13; i supermercati sono aperti dalle 7 alle 20, sabato fino alle 18; alcuni grandi magazzini sono aperti 24 ore su 24

Musei: da martedì a domenica, 10-18; lunedì in genere chiusi

Giorni festivi

2010
1° gennaio (Capodanno), 15 marzo (Anniversario della Rivoluzione 1848, Festa Nazionale), 5 aprile (Lunedì dell'Angelo), 1º maggio (Festa del Lavoro), 24 maggio (Lunedì di Pentecoste), 1° luglio (Festa dei funzionari ststali8), 20 agosto (Festa della Costituzione, Santo Stefano), 23 ottobre (Festa della Repubblica), 1º novembre (Ognissanti), 24-25-26 dicembre (Vigilia, Natale e Santo Stefano), 31 dicembre (Ultimo dell’Anno).

Telefono

Dall'Italia all'Ungheria: comporre il prefisso internazionale 0036, seguito dal prefisso locale (senza lo zero iniziale, per Budapest 1) e dal numero dell'abbonato.
Dall'Ungheria all'Italia: comporre il prefisso internazionale 0039 seguito dal numero dell'abbonato.
Chiamate interurbane. Per effettuare delle chiamate interurbane in Ungheria si deve formare il prefisso 06 seguito dal prefisso della località desiderata e dal numero dell'abbonato.
Chiamate d'urgenza. Polizia 112 o 107; Pronto soccorso 104; Pompieri 105; Soccorso stradale (MAK) 188 oppure 013451755 (centro di soccorso internazionale).
Telefoni cellulari È possibile comunicare con l'Italia mediante il proprio apparecchio GSM. Per ulteriori informazioni telefonare ai seguenti numeri utili: 119 (TIM), 190 (Vodafone) e 155 (Wind).

Altre informazioni

Hungary Card (carta turismo ungherese). Valida fino al 31 gennaio dell'anno successivo all'acquisto, prezzo 7900 HUF (circa 30 euro), comprende varie agevolazioni per alberghi, ristoranti, taxi, acquisto di biglietti ferroviari e marittimi e per l'acquisto della Budapest Card.

Acquisti

In Ungheria conviene comprare gli oggetti d'arte popolare come i ricami di Kalocsa, i ricami e le camicie matyó, la ceramica nera di Nádudvar, i legni intagliati, i vasi con verniciatura a smalto, le brocche Miska, le tele casalinghe di Sárköz, le stoffe a tintura azzurra, le porcellane di marca Zsolnay e Herendi, gli oggetti in cristallo al piombo, e, tra le specialità alimentari, il salame ungherese, il fegato d'oca, le amarene al cognac, la paprika rossa (di Kalocsa e di Szeged), il vino Tokaj (passito, szamorodni), l'acquavite (di ciliegie e di albicocca), lo spumante (Törley, Hungária).

Eventi

Eventi

Mercatino natalizio a Budapest
Piazza Vörösmarty, fine novembre-fine dicembre

Principali manifestazioni folcloristiche
Sfilata delle maschere di Mohács, a Mohács, febbraio
Pasqua di Hollóko, nel vecchio villaggio di Hollóko, fiera di primavera, fine marzo-primi aprile
Tornei di Visegrád, rievocazione dei tornei medievali nel palazzo di Visegrád, in luglio
Festival folkloristico danubiano, a Kolocsa, Baja, Szekszárd, in luglio
Giornate equestri, a Hortobágy, luglio-agosto
Ballo di Anna, a Balatonfüred, fine luglio
Fiera del ponte a Hortobágy, grande mercato all'aperto dell'artigianato folcloristico dell'Ungheria, in agosto
BudaFest, a Budapest, balletti e opere, in agosto
Carnevale dei fiori, a Debrecen, in agosto
Feste della vendemmia, a Budapest, in settembre

Principali manifestazioni musicali e teatrali
Festival delle Arti, a Budapest, marzo
Festival di Musica antica, a Sopron, giugno-luglio
Festival Internazionale di musiche e danze folcloristiche, a Gyor, in luglio
Festival Culturale di Szeged, a Szeged, in maggio
Festival Internazionale di Jazz, a Debrecen, giugno
Festival di Budapest, (concerti, spettacoli teatrali, programmi organizzati nei musei, apertura della stagione teatrale), ottobre-novembre

Principali manifestazioni sportive
Grand Prix Formula 1, a Budapest (Mogyorod), in agosto
Supermarathon, Vienna-Budapest, in ottobre